Consolidamento Debiti: cos’è, come funziona, vantaggi

Viviamo in un mondo in continua evoluzione, le situazioni mutano, a volte rapidamente. Quando questi cambiamenti intaccano la capacità restituiva di un individuo o di una famiglia che ha dei debiti, serve uno strumento finanziario che permetta di riprendere il controllo della situazione. A questo serve il prestito per consolidamento debiti che, in questi casi, è la soluzione migliore da mettere in atto per ripristinare l’equilibrio tra entrate ed uscite finanziarie.

Cos’è il prestito per consolidamento debiti

Il consolidamento debiti è un finanziamento destinato all’estinzione immediata di debiti precedentemente contratti con banche o agenzie di credito. È stato introdotto nel 2011 allo scopo di diminuire i casi di sovra-indebitamento causa di insolvenza su prestiti e mutui. Da allora si è dimostrato un ottimo strumento in grado di aiutare le famiglie italiane a riequilibrare il proprio bilancio tra entrate ed uscite mensili.

Qual’è la funzione, lo scopo del consolidamento debiti

Di fatto, il finanziamento per consolidamento debiti permette di estinguere uno o più prestiti con un altro finanziamento. Se gestito bene, nella maggior parte dei casi permette anche di avere tassi di interesse più bassi rispetto ai vecchi prestiti ancora in essere. Non solo, questo tipo di finanziamento prevede rate più basse grazie all’aumento del numero delle rate.

Inoltre, chi ha i giusti requisiti economici, può chiedere nuova liquidità da destinare ad altri progetti.

Da leggere: recensione consolidamento debiti Findomestic

Vantaggi del prestito per consolidamento debiti

Come si è certamente intuito, un finanziamento per consolidamento debiti comporta innegabili vantaggi. Ne abbiamo individuati quattro, vediamoli.

1. Unica rata mensile di importo contenuto

Avere una unica rata mensile sostenibile! È questo lo scopo principale de prestito per consolidamento debiti. Come già accennato, con un finanziamento di questo tipo, si ha la possibilità di rimodulare al ribasso la rata mensile. Questo ti permette di ripristinare l’equilibrio tra entrate ed uscite rimanendo quindi un buon pagatore ed evitando tutti quei problemi che si hanno divenendo insolventi.

2. Maggiore controllo delle proprie finanze e quindi meno ansia da scadenza

Il prestito per consolidamento debiti, salda tutti i finanziamenti pregressi che si hanno con altri enti creditizi. Questo rende più semplice la gestione finanziaria ed avendo una rata più piccola si riacquista una certa serenità.

3. Risparmio tangibile sul totale da rimborsare

Questo punto viene spesso sottovalutato da chi non è molto ferrato in materia di prestiti. Con il prestito per consolidamento si possono avere tassi di interessi più bassi rispetto a quelli che si hanno con i vecchi prestiti. Attenzione però: quanto detto, vale se nel frattempo il costo del denaro è sceso. In caso contrario avviene l’esatto opposto: i tassi potrebbero essere più alti. In tal caso bisognerà accontentarsi del solo beneficio di una rata più bassa conseguente all’allungamento de periodo di rimborso.

Per trovare l’offerta con le migliori condizioni economiche bisogna sempre valutare diversi preventivi.

4. Ottenere nuova liquidità

Ottenere nuova liquidità. Si tratta di una possibilità che ha ragione di essere solo ed esclusivamente se, fatti i dovuti calcoli, la banca o la finanziaria riscontra che ci sia sufficiente capacità restituiva.

Bisogna ricordare che questo strumento finanziario nasce con lo scopo di aiutare chi, a causa di sopraggiunte difficoltà finanziarie non era più in condizione di onorare più i propri debiti. Sarebbe quindi inappropriato chiedere ulteriore liquidità se non si hanno le risorse per far fronte nuovamente al nuovo prestito. Comunque, in sede di valutazione della richiesta di prestito, la banca farà le dovute considerazioni, decidendo poi se approvare o meno la pratica di rifinanziamento.

Da leggere: guida al prestito per consolidamento debiti Agos

Requisiti richiesti

Può richiedere un prestito per consolidamento debiti chiunque disponga di un reddito dimostrabile ed una buona reputazione creditizia. Ciò vuol dire che, se si è stati segnalati come cattivo pagatore le cose potrebbero complicarsi. Se di è segnalati nella centrale rischi, è difficile che si possa ottenere il prestito e ancor meno uno che ne prevede nuova liquidità.

A cosa prestare attenzione, quali le accortezze da seguire

Prima di avanzare una richiesta per consolidamento debiti, sempre meglio dare un’occhiata ai contratti stipulati in occasione dell’apertura dei vecchi finanziamenti. Potrebbero infatti esserci delle clausole che ti precludono la possibilità di estinguere in anticipo i debiti, oppure che prevedono il pagamento di un indennizzo in caso di rimborso anticipato del prestito.

Altro punto da non sottovalutare .come già detto- è controllare bene i tassi di interesse. Se è vero che è possibile diminuire l’importo della rata mensile allungando i tempi di rimborso, è anche vero che in qualche caso la percentuale del TAEG può essere più alta rispetto a quella del vecchio finanziamento. Il risparmio in questo caso potrebbe non esserci e anzi, si potrebbe incorrere in maggiori costi.

Da leggere: recensione del prestito per consolidamento debiti di Fiditalia

Lascia un commento