Cessione del quinto Compass: caratteristiche, simulazione calcolo della rata ed opinioni

Pensi alla cessione del quinto Compass? Ti stai chiedendo come funziona, quali sono i requisiti per richiederla e soprattutto se l’offerta è vantaggiosa? Tutte le risposte che cerchi sono in questa recensione. Cosa ne dici di andare subito al dunque e valutare insieme tutto il pacchetto prestito? Ok, iniziamo!

Cessione del quinto Compass: caratteristiche

Cessione del quinto Compass - prestiti fino a 75.000 €
Cessione del quinto Compass – prestiti fino a 75.000 €

Tipico di tutte le cessioni del quinto, anche l’offerta Compass deve sottostare ai requisiti di legge, ovvero: la rata mensile non può superare 1/5 della tua busta paga o della tua pensione. In questo modo hai a che fare con una spesa contenuta e che puoi gestire facilmente.

Anche nel caso della durata le regole sono quelle standard ovvero si parte da un minimo di 24 rate per arrivare fino ad in massimo di 120.

L’importo massimo che Compass concede con una cessione del quinto è di 75.000€, ma come sempre, l’importo erogabile può essere stabilito solo dopo una accurata valutazione del reddito netto annuo.

Come si pagano le rate

Altra particolarità dei prestiti con cessione del quinto è la modalità di rimborso. Tale modalità prescinde da chi eroga il finanziamento, è così per tutte le cessioni. In pratica, invece di pagare le rate tramite bollettino postale oppure con addebito diretto sul conto corrente, in questo caso la rata viene trattenuta dalla busta paga o dalla pensione.

Garanzie richieste

Per richiedere una cessione del quinto non è necessario nessun garante. È però obbligatorio per legge stipulare una polizza assicurativa vita e perdita del lavoro. Questo garantisce Compass che viene così tutelata in tutto e per tutto.

Chi può richiedere la cessione del quinto Compass

Come già accennato all’inizio, il prestito con cessione del quinto può essere richiesto da due categorie: i pensionati e lavoratori dipendenti, siano essi impiegati in enti pubblici che in aziende private. Queste ultime però devono avere più di 16 dipendenti ed avere bilanci solidi. Una azienda in difficoltà può essere motivo di diniego della cessione in quanto l’assicurazione potrebbe rifiutare di assicurare il prestito.

Da leggere: recensione cessione del quinto Findomestic

Pensionati

I pensionati che vogliono richiedere una cessione del quinto possono farlo presso una delle tante filiali Compass presenti in Italia.

Questa categoria usufruisce di un’agevolazione riguardo il limite d’età. Se in genere il limite massimo per richiedere un finanziamento è di 75 anni, la cessione del quinto Compass ti consente di fare richiesta fino a 79 anni, con un termine previsto entro gli 85 anni.

Ci sono poi agevolazioni per i pensionati INPS, ex INPDAP e ex ENPALS. Compass infatti concede tassi di interesse più convenienti a chi riceve la pensione dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Dipendenti pubblici

Possono ricevere un finanziamento con cessione del quinto i dipendenti pubblici che hanno un contratto a tempo indeterminato.

Anche in questo caso, non è necessaria la firma di un garante. La polizza assicurativa e la tua busta paga sono sufficienti a garantire sulla restituzione, che viene gestita dal tuo datore di lavoro che tratterrà dal tuo stipendio la quota di rimborso concordata.

Volendo, i dipendenti pubblici statali possono usufruire poi della Delegazione di pagamento Compass. Si tratta di un finanziamento extra che ti consente di ottenere una nuova somma di denaro. Con la Delegazione di pagamento, la tua rata mensile di rimborso può raggiungere i 2/5 della tua busta paga.

Da leggere: recensione cessione del quinto Agos

Dipendenti di aziende private

Di recente, anche ai dipendenti di aziende privata è stata concessa la possibilità di ottenere una cessione del quinto. Possono richiederla in filiale, fissando un appuntamento con i consulenti.

I dipendenti privati godono degli stessi benefici di chi lavora nella pubblica amministrazione. Questo vuol dire, ad esempio, che se sei dipendente di un’azienda privata anche tu puoi fare richiesta per una Delegazione di pagamento Compass e ricevere dall’agenzia il doppio del quinto dello stipendio.

Ricordiamo però che possono usufruire della cessione del quinto Compass solo i dipendenti che lavorano presso un’azienda privata assicurabile.

Requisiti e documenti richiesti

Tra i requisiti minimi per ottenere una cessione del quinto va menzionata soprattutto la residenza in Italia. È infatti obbligatoria: non puoi accedere al prestito se sei un cittadino straniero.

Ci sono poi limitazioni riguardo l’età del richiedente. Se sei un lavoratore dipendente, sia nel pubblico che nel privato, puoi inoltrare la richiesta solo se hai fra i 18 e i 63 anni. Diverso il caso dei pensionati, che come abbiamo detto prima possono avanzare una richiesta di finanziamento con cessione del quinto Compass fino (ma non oltre) i 79 anni.

Inoltre, possono accedere al finanziamento solo i lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato e i pensionati che ricevono una pensione di valore superiore a 507,42€ (soglia di povertà). I pensionati che voglio fare richiesta devono presentarsi in agenzia con un documento d’identità, un codice fiscale e il cedolino della pensione.

Da leggere: doppia cessione del quinto Agos

Simulazione calcolo della rata cessione del quinto Compass

Per fare un calcolo approssimativo di quanto possa essere la tua rata sostenibile fai così: prendi il valore del tuo stipendio al netto delle trattenute, moltiplicato per 13 / 14 mensilità a seconda dei casi e poi dividi per 12 dopodiché dividi per 5 il risultato.

Esempio pratico calcolo della rata cessione del quinto: stipendio netto 1.390 x 14 mensilità = 19.460 : 12 mesi = 1.621 : 5= 324,20 € è questa la tua rata sostenibile.

Come richiedere la cessione del quinto Compass

L’unico modo per richiedere una cessione del quinto Compass è quello di andare in agenzia. A differenza di altri prestiti personali, in questo caso non è possibile inoltrare la richiesta di finanziamento online.

Puoi comunque utilizzare il sito web ufficiale Compass per inviare una richiesta di preventivo o individuare la filiale più vicina a te e fissare un appuntamento con i consulenti. Per farlo basta aprire la sezione Vieni in filiale, inserire un CAP o il nome di una città, scegliere una filiale e selezionare il giorno e l’ora che preferisci.

Costi ed interessi di mora in caso di mancato pagamento di una o più rate

Se per qualche motivo il datore di lavoro non paga una o più rate,sei tenuto a pagare una mora che può arrivare al 15% dell’importo non pagato, con un minimo di 10€ e un massimo di 90€ per ogni rata. Gli interessi di mora applicati sono pari invece al TAN già stabilito con la firma del contratto.

Da leggere: recensione cessione del quinto Cofidis

Come contattare Compass

Se vuoi contattare Compass puoi utilizzare il form presente sul sito e ricevere una email di risposta, oppure andare direttamente in agenzia. Il numero verde a disposizione ( 800 77 44 33 ) consente solamente di fissare un appuntamento in agenzia. Il centralino è comunque raggiungibile 24 ore su 24. Se sei già cliente Compass puoi contattare l’Assistenza Compass tramite l’Area Riservata del sito web.

Da leggere: recensione cessione del quinto Fiditalia

Opinioni

Screenshot opinioni prestiti Compass
Opinioni prestiti Compass. Fonte Trustpilot.it

Le opinioni su Compass sono tutto sommato bilanciate. Molti utenti dicono di essere soddisfatti, altri lamentano una eccessiva aggressività da parte degli operatori quando ci sono problemi con i pagamenti.

Tenuto conto di quanto appena detto, la riflessione che facciamo noi di PrestitiABC è la seguente: 100 clienti soddisfatti generano quando va bene una recensione positiva (in genere non ci si prende la briga di andare a recensire quando le cose vanno bene). Diversamente, su 100 clienti insoddisfatti si generano almeno 10 recensioni negative. Tenuto conto di ciò è molto probabile che, se si onorano i pagamente, Compass è una società che merita di essere tenuta in considerazione.

Detto ciò il nostro consiglio è sempre lo stesso: confrontare tanti preventivi, leggere bene i contratti e soprattutto prestare attenzione al TAEG ed a eventuali oneri accessori. Leggere sempre il modello SECCI.

Da leggere: recensione cessione del quinto Fiditalia

Lascia un commento